VITTIME DIMENTICATE

VITTIME DIMENTICATE

20 Gennaio 2020 0 di Timoteo Lauditi
Voce Timoteo Lauditi

Si son dissolti i loro corpi, in cenere,
sono mutate in parole e ricordi, quelle vite,
commemorate sempre il ventisette
da storici e politici un po’ costretti
dal dovere, quasi ipocrita.

Finiti nell’oblio i nomi di milioni
seppur leggibili su pietre e su targhe,
c’è chi ancor si fregia di negare
quel crimine di massa, così imponente,
negando anche l’esistenza ai già dimenticati.

Pochi i testimoni ancora vivi
a dover giustificar davanti ai meschini
del perché siano ancora vivi a ricordare
che di quello scempio disumano
oggi ricordiamo più il finale,
mentre dovremmo meditarne il male
che gli diede inizio e compimento,
e che anche il papa benedicendo
si rapportava a braccio teso, ossequioso,
coi ministri di quel dio così odioso
che ancora oggi governa il mondo.

E perciò troppi oggi son pronti
a fomentar odio sui differenti,
ricominciando così da zero,
come se nulla fosse stato in quei giorni
a distruggere col cancro l’umano essere,
senza che il passato ci sia maestro.

Timoteo Lauditi, 20 gennaio 2020
Tutti i diritti riservati

Please follow and like us:
error20
Tweet 20